Da un’iniziativa di nonno Mario

La storia di Lembondel, nata nel 1965 e rivoluzionata nel 1991 da nonno Mario, un lungimirante innamorato del suo paese, è un viaggio emozionante di passione e cambiamento.

L’après-ski dei tempi d’oro

A Lembondel tutto ebbe inizio nel lontano 1965, quando venne aperto il ristorante che sarebbe diventato l’après-ski “dei tempi d’oro”, un luogo dove ci si poteva deliziare con piatti caldi e gustosi. Nell’area, solo un anno più tardi, fu costruito il primo skilift della Valle di Ledro, un’innovazione che segnò un momento cruciale per la Comunità. Dietro al nostro Residence, ancora oggi, è possibile trovare il pilone originale, un ricordo tangibile di quegli anni pionieristici. Grazie al successo ottenuto, fu inaugurato un nuovo skilift a Tremalzo, ampliando ulteriormente le opportunità per gli amanti degli sport invernali.

Inizialmente, la struttura fungeva da fulcro sociale, un luogo dove i residenti si riunivano per celebrare matrimoni, giocare a bocce e divertirsi con semplicità, organizzando feste accompagnate da musica e risate.

Nonno Mario acquista l’immobile diroccato

Nel 1991, la famiglia Crosina acquistò l’immobile diroccato, su iniziativa di nonno Mario, un lungimirante profondamente innamorato del suo paese. Quattro anni più tardi, completata la ristrutturazione, venne inaugurato il primo Pub della Valle di Ledro, che in breve tempo divenne un punto di riferimento per tutti i ledrensi.

Pio, Patty e la famiglia Crosina

Nel 2000, il caro figlio Pio con la sua amorevole Patty, iniziarono a gestire il Residence appena ultimato, mentre aspettavano con gioia l’arrivo della primogenita Sara. Gli appartamenti furono realizzati da nonno Mario, che ha saputo trasmettere l’arte e la passione per il legno e per il lavoro alle generazioni successive.

Email Telefono WhatsApp